Nel 2019 uomini e piante insieme per risolvere problemi

Il 2018 è stato l’anno che mi ha confermato che uomini e piante non possono vivere separati.

Un anno che ha visto nascere “Prospettive Vegetali”, un progetto libero che vuole alzare il volume di chiunque abbia a cuore la cultura botanica o ci si voglia avvicinare.

Un progetto nato per crescere ed evolversi man mano che questa cultura si affermerà inevitabilmente in maniera omogenea nel nostro paese.

Caffè coltivato in Sicilia: non è un utopia, anzi un’alternativa per il futuro.

ADOTTARE UN LINGUAGGIO UNICO

Davanti ad un problema, gli uomini non reagiscono più istintivamente per provare a risolverlo (come fanno le nostre amiche piante). Perchè?

Negli ultimi due secoli, grazie alla nostra laboriosità ed intuizione, abbiamo risolto il 99% dei problemi legati al benessere nel quale passare le nostre brevi esistenze.

Così nel complesso, abbiamo perso la capacità di indagare oltre il nostro naso, comprendere ed agire di conseguenza.

Dopo millenni, possiamo finalmente schiacciare un pulsante per scaldarci, lavarci, mangiare…

Ma tutto questo non è allineato con la natura che ci ospita.

Speriamo che un giorno non si debba neppure più fare lo sforzo di schiacciare quel pulsante.

Ma le nostre fortune passano, al contrario, da quanto più saremo capaci di agire.

Condividere conoscenza, seguire intuizioni, costruire sogni, regalare amore.

Tramandare.

Nella Food Forest di Onorio Belussi vicino a Bergamo

Proprio come i nostri avi che non avevano la scrittura e si prendevano cura delle generazioni future insegnando loro con pazienza come comportarsi davanti ad ogni aspetto della vita.

La tanto celebrata capacita cognitiva ed espressiva dell’uomo si è trasformata nel nostro più grande limite proprio come narrato nell’episodio delle lingue di fuoco della Pentecoste.

Il linguaggio della natura, in tutta la sua semplicità, è un messaggio di Amore universale.

Una pianta soffre se viene tagliata, ma lo accetta perchè vive in comunione non solo con l’uomo (a cui regala frutti e gli permette di vivere sul pianeta) ma con l’intero cosmo.

IL RUOLO DELL’UOMO

Privati del contatto con la Vita nella sua manifestazione più spontanea, ognuno di noi prova a rifugiarsi in un angolo della sua primitività senza che il suo vicino di treno nemmeno lo sospetti.

In quel momento percepisce sè e l’ambiente attorno a lui/lei.

E inevitabilmente comunica con chiunque lo circondi: gli trasmette serenità, tristezza, rabbia.

Senza aver bisogno di alcuna parola.

Solo coltivando questo tipo di sensibilità e riscrivendo il concetto di efficacia (ispirandosi a modelli migliori del nostro), gli uomini saranno capaci di tornare custodi dell’Eden che è il nostro pianeta.

Olivastro millenario a Luras, Sardegna

2019 : IL VIAGGIO CONTINUA

Grazie al grande lavoro svolto nel 2018, nel prossimo anno avremo una possibilità unica, costruita grazie ad una curiosità senza confini ed una vita sempre alla ricerca di senso.

Forse per l’uomo, quella di senso, rimarrà una ricerca vana ancora per un po’, ma come possiamo non provare a dare senso a quello che ci circonda e ci somiglia, partendo dalle piante?

Con testardaggine, ho creato le condizioni per andare fino in fondo a questa ricerca, anche grazie a te che stai leggendo.

Quasi 2500 like su facebook, 9000 visualizzazioni sul canale youtube e 7000 letture dei miei articoli.

Ogni click, ogni messaggio che sono riuscito a passare.

Grazie al vostro invisibile sostegno sono riuscito ad incontrare uomini e donne che non sempre sanno di essere un tassello fondamentale in un enorme puzzle chiamato Etnobotanica : la madre di tutte le scienze.

In soli 120 giorni di viaggio ho conosciuto maestri che mi hanno dato una visione della materia botanica nitida e vastissima.

Impossibile da replicare con un corso di studi o un esperienza lavorativa unica.

Una condizione privilegiata che voglio condividere con voi.

IL DOCUMENTARIO

600 GB di interviste raccolte lungo 8300 km percorsi in tutta Italia da trasformare in un documentario credibile grazie alla partecipazione dei più importanti protagonisti del panorama botanico italiano.

La relazione tra uomini e piante, l’agricoltura, il vivaismo, le tradizioni e la scienza sono solo alcuni dei temi trattati nei miei scambi culturali.

Partenza il 28 Agosto 2018

Nei prossimi mesi lavorerò alla costruzione di un programma che mi permetterà di completare il giro d’Italia e filmare le testimonianze di molteplici persone interessate a questo progetto.

Prima però devo convincervi che vale la pena prenotare una copia di questo lavoro: sul canale youtube troverete i reportage sui protagonisti intervistati per il documentario e presto diffonderò un trailer del “Viaggio tra uomini e piante”.

La vendita del documentario servirà a finanziare il resto del viaggio: maggiore sarà il budget raccolto in prevendita, più chilometri potrò percorrere.

Se non state già più nella pelle questi sono i recapiti per il bonifico che vi garantirà una copia e sarà un contributo per la benzina del “Viaggio tra uomini e piante” di Prospettive Vegetali:

10-20 euro : COPIA DIGITALE
25 + euro : COPIA FISICA + SPEDIZIONE

Intestatario : Giacomo Castana
IBAN : IT30P0306967684510324148417
Causale : Viaggio tra uomini e piante

N.B. Ricorda di inviare una mail a giacomo.castana@gmail.com con la copia del bonifico effettuato in allegato!

P.S. Chiunque abbia partecipato al Crowdfunding di luglio-agosto riceverà una copia del documentario!

VI AUGURO UN 2019 PIENO DI PROSPETTIVE!

JEK

Il viaggio / Crowdfunding

“Un indagine sociale immersa nella cultura botanica italiana. Per accorgerci che siamo già nel futuro. (conoscendo gli uomini e le donne che amano, coltivano, trasformano, conservano, studiano e valorizzano il mondo delle piante)”

Scopri i dettagli e sostieni questo progetto su Eppela cliccando QUI.

———

LA PARTENZA

– 28 Agosto 2018. Giardino Botanico Alpino “La Chanousia”, 2170 mt. di altitudine sul Colle San Bernardino. Poi Val d’Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia e via via tutta Italia. A partire da lunedì 6 inizierò ad annunciare le prime tappe.

LA TRAMA
– Voglio raccontarvi le storie delle persone che lavorano tutti i giorni con le piante generando un economia compatibile con il progresso ed il benessere, promuovendo buone pratiche ecologiche, didattiche ambientali ed integrazione sociale. Associazioni, Agricoltori, Cuochi, Giardinieri, Vivaisti, Agronomi, Forestali, Progettisti, Scrittori, Professori, Scienziati, ma soprattutto Appassionati: un viaggio a 360° attorno al mondo degli uomini e delle piante.

L’ OBIETTIVO
– Raccontare prima dell’ inizio dell’inverno il più possibile le regioni italiane seguendo una trama di storie legate a uomini e piante, valutando durante il viaggio se le tempistiche ed il budget mi permetteranno di visitare anche le isole.

COME ?
– Il giro d’Italia inizierà seguendo un programma concordato che mi porterà il 6 settembre a Varese, mia città natale. Dall’8 Settembre il tour continuerà con un programma ricchissimo (in fase di definizione) che aspetta i vostri suggerimenti, le vostre segnalazioni e le vostre disponibilità!

Partenza il 28 Agosto 2018

DOVE ?
– Seguendomi sulla pagina fb Prospettive Vegetali e su instagram prospettive.vegetali!

 

Scopri il mondo delle Piante (29 Giu/1 Lug) 🇮🇹️

Questa settimana gli eventi che vi propongo toccano le provincie di Bergamo, Bologna, Cagliari, Genova, Grosseto, L’Aquila, Lecce, Napoli, Milano, Pavia, Perugia, Pistoia, Rimini, Roma, Urbino e Verbania. Approfittatene!

Segnalatemi alla mail giacomo.castana@gmail.com gli eventi più vicini a voi per far si che questo calendario si completi e possa essere condiviso in tutta Italia.

comportamento vegetale

Leggi tutto “Scopri il mondo delle Piante (29 Giu/1 Lug) 🇮🇹️”

Cosa c’è dietro al Bonus Verde

Dal giorno in cui è stato annunciato che il Bonus Verde sarebbe stato inserito nella Legge di Bilancio 2018, è stato molto difficile trovare contenuti di approfondimento che contestualizzino e affrontino da una visuale più ampia il tema.

L’esigenza di raccontarvi questa normativa da più angolazioni nasce dopo aver presenziato all’incontro “Ecobonus fiscale per il verde: un concreto aiuto alla conservazione e cura dei nostri giardini”, svoltosi a Varese nel novembre 2017.

In questa occasione ho potuto rivolgermi direttamente a Nada Forbice, presidente di Assofloro Lombardia e promotrice di questa riforma, all’on. Maria Chiara Gadda, deputata della provincia di Varese, e a Daniele Zanzi, vicesindaco e assessore alla Commissione del paesaggio del Comune di Varese.

Questa iniziativa è da elogiare perché ha permesso ad addetti ai lavori, istituzioni, proprietari di giardini e curiosi di avvicinarsi a un’opinione critica sul tema, ascoltando la voce di chi lavora da anni per portare sui tavoli della politica italiana i benefici della natura nelle città.
I modelli d’ispirazione per le nostre città devono essere le moderne Smart Cities europee, modelli urbanistici sostenibili volti a migliorare la qualità della vita dei cittadini.

Questa legge è importante per il processo culturale che innesca: un segnale di cambiamento nel modo di operare che sarà l’inizio di un percorso di crescita sia per i professionisti, che per i clienti.

NUMERI ED APPLICAZIONI DEL BONUS VERDE

Otterremo una detrazione fiscale del 36% su una spesa fino a 5000 euro, per mettere a dimora nuovi alberi e arbusti, se affideremo la progettazione e realizzazione di giardini, terrazze e balconi fioriti, a professionisti con regolare fattura.

Questa legge è in vigore dal 1° gennaio 2018 ed il 18 Ottobre scorso è stata confermata nella Legge di Bilancio 2019.

Il tetto massimo di detrazione corrisponde a 1.800 euro ad unità abitativa, che ritorneranno nelle tasche dei clienti con uno sconto sulle tasse nei 10 anni successivi. 

Grazie alle numerose iniziative organizzate da Assofloro ma anche da associazioni e gruppi interessati, si è chiarito quali saranno le immediate possibilità di applicazione:

La cumulabilità dei rimborsi nei casi di complessi condominiali (5 famiglie potranno spendere fino a 25000 euro) e le condizioni per rientrare nei vantaggi di questa legge.

Delegare LA POTATURA di un albero ad un professionista anziché ad un’impresa pagata con la legna che produce dal taglio (leggi capitozzatura) significa lasciare pressoché inalterate le funzioni energetiche degli alberi: questi sono i principali elementi regolatori delle temperature e abbattitori dell’inquinamento, generano risparmio energetico e riducono l’emissione di polveri.

Olivastro millenario a Luras, Sardegna

Poi, c’è l’incentivo per sostituire asfaltature scellerate con AREE VERDI laddove si trovano danni e smottamenti del terreno: così si combatte l’inarrestabile cementificazione delle nostre città e si attua una politica di prevenzione dei rischi.

Ma parliamo dei criteri con cui scegliere a chi affidare l’IRRIGAZIONE del vostro giardino.

L’emergenza idrica non è fantascienza, mettetevelo in testa.

Un impianto di irrigazione deve essere affidato ad un tecnico specializzato ed il progetto dovrebbe tener conto delle singole esigenze delle piante presenti, per la loro salute e per evitare inutili sprechi.

Oggi nelle nostre città, fino a 10 litri di ACQUA POTABILE finiscono nello sciacquone ogni volta che cagh*amo.

AMBIENTE E POLITICA: PROVE DI ALLEANZA?  Questa legge affonda le proprie radici nell’attivismo di una tenace rappresentanza di addetti ai lavori: la richiesta che è stata accolta dal Governo è stata sottoscritta e condivisa da molte associazioni, capitanate da Nada Forbice, sotto la dicitura “Filiera Florovivaistica Italiana per le opere di Paesaggio”.

I benefici sono stati studiati, quantificati e monetizzati portando diversi studiosi ad affermare che ogni dieci euro investiti, l’amministrazione ne guadagna circa uno e mezzo all’anno. Parliamo di un utile del 15% su un investimento che in Italia è considerato un costo e non un beneficio”  Luca De Michelis, presidente Confagricoltura Liguria.

Sempre più persone durante l’anno sono state contente di scoprire che ci fosse questa possibilità, ma la sfida più grande è ancora quella di coinvolgere nuovi investitori che diano impulso ad un settore che rappresenta un fiore all’occhiello dell’economia italiana, nonostante sia stato messo in ginocchio per via del lavoro in nero.

Nessuno si è scordato degli innumerevoli problemi da affrontare anche in ambito pubblico: la promessa è di risolverli step-by-step (facendo fruttare il lavoro svolto finora, difendendolo e caldeggiandolo costantemente)”.

I risultati ottenuti nel 2018 hanno permesso che la legge fosse promulgata senza modifiche.

Nel 2020 sarebbe un enorme successo raddoppiare fino a 10’000 euro la spesa massima ad unità abitativa e portare lo sconto detratto al 50%”.

Il giardiniere è un uomo di cultura e va messo nelle condizioni di investire con responsabilità ecologica, collaborando con una politica che ascolta”. Giacomo Castana, blogger & giardiniere